Altri contenuti

Corruzione

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza - Art. 10, c. 8, lett. a), D.Lgs. n. 33/2013
Con deliberazione del Comitato di Bacino Priula n. 002 del 30/01/2017 è stato adottato il seguente Piano per la prevenzione della corruzione e della trasparenza 2017/2019:
Piano per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza 2017-19

Con decreto del Presidente del Consiglio di Bacino Priula n. 1 del 29/01/2016 è stato approvato il seguente Piano per la Prevenzione della Corruzione 2016-2018:
Piano per la Prevenzione della Corruzione 2016-18

Procedura per segnalazioni di illeciti e irregolarità (cd. Whistleblowing)
Il Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2016 – 2018 del Consiglio di Bacino Priula, approvato con decreto del Presidente n. 1 del 29/01/2016, prevede all’art. 10 alcune misure di sensibilizzazione per il miglior conseguimento degli obiettivi in esso contenuti al fine della riduzione dei rischi corruttivi.

Tra queste è contemplata l’attivazione di una casella di posta elettronica alla quale potranno scrivere sia i dipendenti che i soggetti esterni, segnalando casi di illeciti potenziali, nella consapevolezza che, a norma dell’art. 1 della L. 190/2012, “nell’ambito del procedimento disciplinare, l’identità del segnalante non può essere rivelata, senza il suo consenso, sempre che la contestazione dell’addebito disciplinare sia fondata su accertamenti distinti e ulteriori rispetto alla segnalazione …”. In sostanza il whistleblower è colui il quale testimonia un illecito o un’irregolarità e decide di segnalarlo a un soggetto che possa agire efficacemente al riguardo. Vengono considerate rilevanti le segnalazioni che riguardano oggettivi comportamenti, rischi, reati o irregolarità a danno dell’interesse dell’ente (e non quelle relative a soggettive lamentele personali).

La segnalazione va presentata, utilizzando i modelli sottoallegati, tramite invio all’indirizzo di posta elettronica anticorruzione@priula.it appositamente dedicato alla ricezione delle segnalazioni. L’indirizzo e il contenuto delle e-mail sono visibili esclusivamente da parte del Responsabile della Prevenzione della Corruzione.
Chi inoltra segnalazioni dovrà rilasciare apposita dichiarazione di autorizzazione al trattamento dei dati personali a norma del codice sulla privacy.

Modulo per la segnalazione da parte dei cittadini (formato .pdf)

Modulo per la segnalazione da parte dei cittadini (formato .docx)

Modulo per la segnalazione da parte del dipendente collaboratore (formato .pdf)

Modulo per la segnalazione da parte del dipendente collaboratore (formato .docx)

Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza - Art. 1, c. 8, l. n. 190/2012, Art. 43, c. 1, D.Lgs. n. 33/2013
Il Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza del Consiglio di Bacino Priula, ai sensi della deliberazione di Comitato di Bacino n. 10 del 9/11/2015, è il dott. Paolo Contò.

Relazione del responsabile della corruzione - Art. 1, c. 14, l. n. 190/2012

Relazione annuale del Responsabile della prevenzione della corruzione - anno 2016

Relazioni anni precedenti:
Relazione annuale del Responsabile della prevenzione della corruzione - anno 2015

 

Accesso civico - Art. 5, c. 1 e 2, D.Lgs. n. 33/2013

“L'obbligo previsto dalla normativa vigente in capo alle pubbliche amministrazioni di pubblicare documenti, informazioni o dati comporta il diritto di chiunque di richiedere i medesimi, nei casi in cui sia stata omessa la loro pubblicazione. Allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico, chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti secondo quanto previsto dall'articolo 5-bis.”

L'esercizio del diritto di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 5 non è sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente. L'istanza di accesso civico identifica i dati, le informazioni o i documenti richiesti e non richiede motivazione.
L'istanza può essere trasmessa per via telematica secondo le modalità previste dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni, ed è presentata alternativamente ad uno dei seguenti uffici:

  • all’ufficio protocollo del Consiglio di Bacino Priula
  • al Responsabile della Trasparenza del Consiglio di Bacino Priula, ai sensi della deliberazione di Comitato di Bacino n. 10 del 9/11/2015, dott. Paolo Contò

Recapiti: Tel. 0422 916611 – pec: protocollo@cert.priula.it; e-mail: consigliodibacino@priula.it

Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dal Consiglio di Bacino per la riproduzione su supporti materiali. Fatti salvi i casi di pubblicazione obbligatoria, l'amministrazione, se individua soggetti controinteressati, ai sensi dell'articolo 5-bis, comma 2 del D.Lgs. 33/2013, è tenuta a dare comunicazione agli stessi. Entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione, i controinteressati possono presentare una motivata opposizione alla richiesta di accesso. A decorrere dalla comunicazione ai controinteressati, il termine entro il quale deve concludersi il provvedimento è sospeso fino all'eventuale opposizione dei controinteressati. Decorso tale termine, il Consiglio di Bacino Priula  provvede sulla richiesta.
Il procedimento di accesso civico deve concludersi nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell'istanza con la comunicazione al richiedente e agli eventuali controinteressati. In caso di accoglimento, il Consiglio di Bacino Priula provvede a trasmettere tempestivamente al richiedente i dati o i documenti richiesti, ovvero, nel caso in cui l'istanza riguardi dati, informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi del D.Lgs. 33/2013, a pubblicare sul sito i dati, le informazioni o i documenti richiesti e a comunicare al richiedente l'avvenuta pubblicazione dello stesso, indicandogli il relativo collegamento ipertestuale. In caso di accoglimento della richiesta di accesso civico nonostante l'opposizione del controinteressato, salvi i casi di comprovata indifferibilità, il Consiglio di Bacino ne dà comunicazione al controinteressato e provvede a trasmettere al richiedente i dati o i documenti richiesti non prima di quindici giorni dalla ricezione della stessa comunicazione da parte del controinteressato. Il rifiuto, il differimento e la limitazione dell'accesso devono essere motivati con riferimento ai casi e ai limiti stabiliti dall'articolo 5-bis del D.Lgs. 33/2013.

Nei casi di diniego totale o parziale dell'accesso o di mancata risposta entro il termine di trenta giorni, il richiedente può presentare richiesta di riesame al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che decide con provvedimento motivato, entro il termine di venti giorni.

Nei casi di accoglimento della richiesta di accesso, il controinteressato può presentare richiesta di riesame e presentare ricorso al difensore civico.

 

Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati - D.Lgs. 82/2005 art. 52 c. 1

In fase di valutazione.

 

Dati ulteriori - Art. 7-bis, c. 3, d.lgs. n. 33/2013

Lista autovetture del Consiglio di Bacino Priula